cantone

home / Archivio / Fascicolo / Capitale e conferimenti nella ..


Capitale e conferimenti nella s.r.l.: sotto il sole niente di nuovo – o forse no?

Luigi Salamone 

 

La disciplina del capitale sociale, dopo la riforma del diritto della s.r.l. introdotta dal codice della crisi di impresa e dell’insolvenza, non è mutata operativamente, tuttavia essa risulta marginalizzata rispetto al nuovo sistema, che persegue l’obiettivo degli equilibri finanziari e ne sanziona il mancato rispetto con misure personali.

PAROLE CHIAVE: capitale - capitale minimo - conferimenti - equilibrio finanziario - insolvenza - perdite - carenza di liquidità - (indicatori della) crisi - decisioni amministrative - adeguatezza degli assetti organizzativi - responsabilità gestorie

Capital and contributions in the new italian Ltd.: in the sun nothing new – or maybe not?

The discipline of social capital, after the reform of the law of the italian Ltd. introduced by the new italian corporate crisis and insolvency code, it has not changed operationally, however it lost importance in the new system, which pursues financial equilibrium and punishes the failure with liability of the officers.

KEYWORDS: capital – minimum capital – contributions – financial balance – insolvency – Capital losses – lack of liquidity – (indicators of) crisis – administrative decisions – adequacy of the organizational structures – administrative liabilities.

1. Lo stato dell’arte del diritto societario e del diritto societario delle crisi

Scontato che chi osserva i fenomeni patrimoniali e finanziari nella prospettiva giuridica non può far altro che argomentare sulla base delle regole e – se si vuole – sull’evoluzione di queste, lo stato dell’arte, alla data dell’entrata in vigore del c.c.i.i., porta a ricordare a noi stessi che della/e funzione/i del capitale in dottrina sono state offerte almeno quattro letture: 1) funzione di tutela dei creditori; 2) funzione produttivistica; 3) funzione di misurazione di utile e perdita (circuito di allarme; c.d. regola riorganizza o liquida), declinata secondo taluni a presidio della causa sociale (distribuzione degli utili o sopportazione delle perdite), secondo altri a presidio del tipo sociale (regola del capitale minimo; ricapitalizza o trasforma o liquida); 4) funzione informativa.

La giurisprudenza nel tempo sembra essersi sostanzialmente allineata alla tesi sub 3). Nel (non più recente) caso affrontato dal Tribunale di Milano 17 ottobre 2007 si è autorizzata la trasformazione senza ricostituzione del capitale di una società in liquidazione, perché una volta sciolta la società il capitale non serve più a nulla: a) perché la distribuzione dell’attivo residuo, a compimento delle operazioni di liquidazione, non segue la regola “capitalistica” di misurazione, la quale presuppone la continuazione della gestione d’impresa, ma semmai una diversa regola di riappropriazione; b) perché nella più grave delle ipotesi la perdita di capitale conduce a scioglimento di diritto della società (art. 2484, comma 1, n. 4 c.c.), ma quando lo scioglimento sia già intervenuto il sistema del capitale minimo fornisce una misurazione del tutto inutile che non presidia più il tipo, perché muta la curvatura dell’organizzazione del­l’ente, volta adesso alla riappropriazione di ciò che era stato destinato all’i­ni­ziativa.

 

2. Evoluzione ordinamentale

Nel tempo, l’evoluzione ordinamentale ha consumato un progressivo divorzio tra misurazione capitalistica dell’utile e della perdita e presidio delle regole di sopportazione del rischio di impresa. Con l’entrata in vigore dell’art. 182-sexies legge fall. (per effetto del d.l. 22 giugno 2012, n. 83, conv. in legge 7 agosto 2012, n. 134), ora rifuso negli artt. 64 e 89 c.c.i.i., si è formalizzata l’indipendenza tra sistema del capitale e regole di sistemazione delle crisi di natura finanziaria.

La filosofia che ispira la norma citata è che il controllo esercitato dal­l’ufficio giudiziario in conseguenza delle procedure di concordato preventivo oppure di a.r.d. tenga luogo del circuito di allarme attivato dal capitale. Ad oggi però non è ancora stata prospettata alcuna spiegazione appagante: scontato che le crisi contro le quali si erge a presidio il sistema del capitale siano di natura patrimoniale e certamente non finanziaria (infra – par. 3), a differenza di quelle che trovano sistemazione attraverso le procedure concorsuali (= crisi essenzialmente di liquidità, peraltro variamente graduabili, reversibili oppure irreversibili – c.d. decozione), ci troviamo dinanzi ad un legislatore che non fa capire con chiarezza i propri obiettivi; ancora più oscuro rimane poi il rinvio al criterio della gestione conservativa degli amministratori ex art. 2486 c.c., che persiste a tutt’oggi nel c.c.i.i. (v. ancora gli artt. 64 e 89), difficilmente spiegabili nella prospettiva delle procedure in continuità aziendale. Altra spiegazione razionale di questa normativa non si rinviene, se non di rimuovere ostacoli ad eventuali operazioni di ristrutturazione concordataria, nell’assunto che la disciplina del capitale costituisca per definizione un intralcio.

2.1. Progressiva divaricazione dalla funzione di tutela dei creditori

Nell’art. 2464 c.c. troviamo un segnale esplicito di superamento del capitale come mezzo di tutela dei crediti (se mai esistita). Le regole di formazione del capitale della s.r.l. includono entità diverse dal denaro, alcune delle quali sicuramente a) non espropriabili e b) insuscettibili di immediata liberazione (conferimenti di prestazione d’opera e di servizi).

Sotto altro versante, la s.r.l. con capitale a un euro a dispetto di tutte le apparenze rappresenta un eccesso di zelo nella tutela dei creditori, perché un misuratore tanto esiguo determina la cessazione davvero prematura dell’inizia­tiva sociale: se in linea di principio si ritiene che ..


» Leggi l'intero articolo.


  • Giappichelli Social