corso comm rev

home / Segnalazioni /

27/10/2022Nessun mutamento dell’onere della prova in materia di operazioni soggettivamente inesistenti


DIRITTO TRIBUTARIO - Giurisprudenza

Con sentenza del 27 ottobre 2022, n. 31878, la Corte di Cassazione ha statuito che l'art. 7, co. 5-bis, D.Lgs. n. 546/1992, introdotto con la Legge n. 130/2022, “non stabilisce un onere probatorio diverso o più gravoso rispetto ai principi già vigenti in materia”. Nel caso di specie – avente ad oggetto una frode IVA per operazioni soggettivamente inesistenti –, la Corte Suprema ha cassato la sentenza impugnata per non aver tenuto conto della circostanza che, a fronte del complesso quadro indiziario fornito dall'Ufficio, la contribuente non avesse assolto “[al]l'onere di dimostrare la propria buona fede, cioè che […] i comportamenti posti in essere integrassero l'ordinaria diligenza richiesta ad un operatore commerciale accorto”.

Il documento è reperibile al seguente link:

http://www.italgiure.giustizia.it/xway/application/nif/clean/hc.dll?verbo=attach&db=snciv&id=./20221027/snciv@s50@a2022@n31878@tO.clean.pdf



indietro