de-nicola

home / Segnalazioni /

11/03/2019Gestore di fondi di investimento e applicazione della disciplina di direzione e coordinamento


DIRITTO COMMERCIALE - Assonime

L’Assonime ha reso noto il Caso n. 2/2019, nel quale sono stati esaminati i risvolti applicativi di una pronuncia del Tribunale di Milano del 4 maggio 2017, in cui si è ritenuto «astrattamente configurabile l’esercizio di attività di direzione e coordinamento da parte di una SGR nei confronti delle società partecipate da un fondo gestito da quest’ultima».

In particolare, ci si è interrogati sull’adeguatezza della disciplina codicistica dettata dagli artt. 2497 e ss. c.c. «a cogliere l’essenza delle attività di investimento tramite fondi e rispondere alle specifiche esigenze di responsabilità ivi sottese» oppure se «si tratti di una disciplina pensata per fattispecie riconducibili esclusivamente alla gestione dell’impresa nell’ambito di gruppi».

Il riferimento è, nello specifico, alle SGR che gestiscono fondi di investimento alternativi riservati ad investitori professionali, «attraverso cui si realizzano le operazioni di private equity», ove «non solo è frequente l’acquisizione di partecipazioni di controllo, ma sono presenti patti sociali e/o parasociali relativi alla governance della società partecipata».



indietro