Crisi aziendali e piani di risanamento

home / Archivio / Fascicolo / La disciplina della ..


La disciplina della società a responsabilità limitata dopo il Codice della crisi d'impresa...

Alessandro Baudino, Avvocato in Torino

Il Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza (emanato con il d.lgs. 12 gennaio 2019, n. 14), è intervenuto in modo significativo sulla disciplina della Società a Responsabilità Limitata, con disposizioni che incidono sul sistema dei poteri, dei doveri e delle responsabilità dei componenti degli organi di amministrazione e controllo. Le nuove disposizioni, entrate in vigore il 16 marzo 2019, sono destinate a sollevare un acceso dibattito. Il presente studio analizza le principali novità introdotte dal Legislatore e le problematiche applicative che esse comportano, per poi soffermarsi sugli obblighi di adeguamento alla nuova disciplina, con particolare riferimento agli adem­pimenti e alle modifiche statuarie che si renderanno necessarie ed alle conseguenze e responsabilità derivanti dalla mancata attivazione.

PAROLE CHIAVE: societÓ a responsabilitÓ limitata - srl - statuto - atto costitutivo - gestione - assetti organizzativi - responsabilitÓ amministratori - responsabilitÓ sindaci - responsabilitÓ revisori - scioglimento - codice della crisi

The new discipline of the Private Limited Liability Company after the Code of Corporate Crisis and Insolvency...

The Code of Corporate Crisis and Insolvency (enacted by Legislative Decree no. 14 of January 12, 2019) has deeply affected the discipline of the Società a Responsabilità Limitata (Private Limited Liability Company), with a set of rules impacting on the whole system of directors and auditors’ powers, duties and liabilities. The new laws, which came into force on March 16, 2019, are intended to raise a heated debate. The article analyses the main operational issues arising from the new discipline, with a special focus on the various initiatives and the changes to the deeds of incorporation required by the new laws. The article also points out the consequences and the liabilities which will occur if the company organs omit to take the initiatives necessary to comply with the new rules.

KEYWORDScode of corporate crisis and insolvency – private limited liability company– deed of incorporation – bylaws – organizational structure – directors’ liability – auditors’ liability – winding up.

1. Introduzione

Il d.lgs. n. 14/2019, pubblicato il 14 febbraio 2019, emanato in attuazione alla legge delega n. 155/2017 e recante il Codice della Crisi d’Impresa (di seguito CCI), contiene alcune disposizioni che hanno avuto immediata applicazione (e cioè con decorrenza dal trentesimo giorno successivo alla pubblicazione del decreto legislativo nella Gazzetta Ufficiale).

Queste disposizioni costituiscono, peraltro, la parte più innovativa della nuova disciplina, e completano il percorso di modifica del sistema della responsabilità degli enti e dei soggetti che li amministrano e controllano, avviato oltre quindici anni orsono, che attribuisce al controllo di gestione (e più in generale agli obblighi di organizzazione e pianificazione dell’attività d’impresa) una funzione centrale ai fini della gestione del rischio cui l’attività d’impresa è per sua natura soggetta, con la finalità di garantire adeguata tutela a tutti gli stake-holders sulla cui sfera personale e giuridica si riverberano gli effetti di tale attività.

I principi cui si ispirano le nuove disposizioni sono stati sanciti in via generale dalla legge 19 ottobre 2017, n. 155, contenente la “Delega al Governo per la riforma delle discipline della crisi di impresa e dell’insol­venza” (di seguito: Riforma Rordorf), che, nel dettare le linee guida cui doveva attenersi il decreto delegato, stabiliva (all’art. 14, comma 1) che questo avrebbe dovuto prevedere a carico degli organi sociali specifici obblighi di controllo e di attivazione, consistenti nell’adozione degli strumenti di controllo di gestione, di allerta e di reazione più idonei per consentire la rilevazione tempestiva dei segnali di crisi e l’adozione delle necessarie misure di tutela.

La Riforma Rordorf assegnava inoltre al Governo il compito di “riformulare le disposizioni che hanno originato contrasti interpretativi, al fine di favorirne il superamento” (art. 2, comma 1, lett. m) e di procedere alle modifiche del codice civile necessarie per la definizione della disciplina organica di attuazione dei principi e criteri direttivi della legge delega (art. 14).

In attuazione della legge delega il Decreto Delegato n. 14/2019 è intervenuto in modo incisivo sulle disposizioni generali e particolari che disciplinano la materia, ponendo l’obbligo dell’imprenditore di dotarsi di strumenti idonei a rilevare tempestivamente lo stato di crisi e assumere senza indugio le iniziative necessarie a farvi fronte, addirittura al centro dell’intero sistema della responsabilità dei soggetti investiti di funzioni di amministrazione e controllo dell’impresa, sia essa individuale o collettiva.

Si può dire, senza tema di essere smentiti, che tutto il sistema delle responsabilità è stato “ridisegnato” in funzione dell’obbligo fondamentale di gestire in modo adeguato il rischio di crisi e salvaguardare la continuità d’impresa [1].

Il CCI è intervenuto in modo significativo anche sulla disciplina della SRL, con disposizioni destinate a sollevare un acceso dibattito.

Le nuove norme, se da un lato risolvono alcuni dubbi interpretativi sorti sotto la vigenza della normativa introdotta dal d.lgs. n. 6/2003 di riforma del diritto societario, d’altro lato determinano l’insorgere di nuove problematiche applicative con cui dovranno confrontarsi amministratori di società, sindaci, revisori e consulenti.

È pertanto utile illustrare le principali novità introdotte dal Legislatore e tentare di svolgere alcune prime riflessioni sull’impatto delle nuove disposizioni e sugli obblighi di adeguamento alla nuova disciplina, con particolare riferimento agli adempimenti e alle modifiche statuarie che si renderanno necessarie ed alle conseguenze che potranno derivare dall’eventuale tardiva o mancata attivazione.

2. L’attribuzione in via esclusiva all’organo amministrativo della gestione dell’impresa e l’impatto delle nuove disposizioni sulle clausole statutarie che riservano ai soci particolari diritti e competenze relativamente all’amministrazione della ..


» Leggi l'intero articolo.


  • Giappichelli Social