corso comm rev

home / Archivio / Fascicolo / Impresa, contratti di durata, sopravvenienze e assetti adeguati

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Impresa, contratti di durata, sopravvenienze e assetti adeguati

Elena Fregonara, Professoressa associata di Diritto commerciale presso l’Università degli Studi del Piemonte Orientale

Il tema delle sopravvenienze nei contratti d’impresa di lunga durata è emerso, con drammaticità, negli ultimi due anni: il legislatore della riforma concorsuale ne ha preso consapevolezza, tuttavia il sistema non offre ancora soluzioni soddisfacenti di portata generale. In questo quadro, si intende valutare l’opportunità ovvero la necessità per le imprese di introdurre presidi contrattuali ad hoc nel regolamento contrattuale in relazione all’obbligo di predisporre assetti adeguati – anche eventualmente con l’ausilio dell’intelligenza artificiale – in funzione della continuità aziendale.

 

Undertaking, long-term contracts, unexpected circumstances and adequate models

The problem of unexpected circumstances in long-term contracts has arisen with particular urgency over the past two years. In the absence of regulatory solutions, the paper explores possible contractual solutions, also – possibly with the help of artificial intelligence – in relation to adequate models and going concern.

Keywords: Unexpected circumstances – long-term contracts – renegotiation – going concern – adequate models.

1. Il problema: sopravvenienze e contratti di durata nell’impresa

Il problema delle sopravvenienze si pone, soprattutto se non esclusivamente, con riguardo ai contratti tipicamente d’impresa e di durata, caratterizzati da una esecuzione che si protrae nel tempo comportando il concreto pericolo che tra il momento della conclusione e quello della loro effettiva esecuzione sopraggiungano eventi tali da sconvolgere l’originario equilibrio di interessi impostato tra le parti.

I recenti straordinari e drammatici avvenimenti in ambito sanitario, politico, socio-economico, confermano la circostanza che i contratti di lunga durata sono soggetti ad elevato rischio di incertezza [1].

Un contesto “fluido” – quale purtroppo è quello che stiamo vivendo, caratterizzato da imprevisti di varia natura – si riflette inevitabilmente sulla salute delle imprese la cui attività si realizza anche attraverso quei contratti e, di conseguenza, amplifica il rischio di una generalizzata crisi economica.

La rilevanza sociale dell’attività di impresa e l’interesse alla sua sopravvivenza, oggi anche testimoniati dai principi che stanno alla base del Codice della crisi [2], confermano la centralità e delicatezza del tema delle sopravvenienze in quel settore, nonché [continua..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio