carbone

home / Archivio / Fascicolo / Carried interest: inquadramento sistematico, chiarimenti di prassi e profili di criticità

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Carried interest: inquadramento sistematico, chiarimenti di prassi e profili di criticità

Riccardo Lancia, Avvocato in Roma. Dottore in Giurisprudenza presso l’Università LUISS Guido Carli

L’articolo offre un inquadramento sistematico della disciplina fiscale degli strumenti finanziari con diritti patrimoniali rafforzati. La trattazione investe tanto la normativa tributaria di settore quanto la prassi dell’Amministrazione finanziaria, che, nel corso del tempo, ha fornito numerosi chiarimenti rispetto ai requisiti al cui ricorrere opera la presunzione legale di qualificazione fiscale dei carried interest come redditi di capitale o redditi diversi di natura finanziaria. Tuttavia, proprio l’assenza di uno o più dei requisiti, previsti dalla normativa tributaria, può far sorgere un problema riguardante la qualificazione fiscale dei proventi. L’elaborato analizza la copiosa prassi erariale in materia, ravvisandone i relativi profili di criticità.

Parole chiave: carried interest – Amministrazione finanziaria – diritto tributario.

Carried interest: framing system, clarifications of tax practice and critical profiles

The article offers a framing system of the tax regulation of carried interest. The discussion covers both the specific tax law and the practice of the Italian Tax Authority, which, over time, has provided numerous clarifications as to the requirements upon the occurrence of which the legal presumption of the tax qualification of carried interests as capital income or other income of a financial nature operates. However, it is precisely the absence of one or more of the requirements, laid down in the Italian tax legislation, that may give rise to an issue of income’s tax qualification. The paper analyses the copious tax practice in this area and identifies critical aspects.

Keywords: carried interest – Italian Tax Authority – tax law.

1. Strumenti finanziari con diritti patrimoniali rafforzati (c.d. carried interest)

L’espressione “carried interest”, elaborata nel settore del private equity e del venture capital [1], allude ad uno strumento finanziario connotato dalla presenza di un diritto patrimoniale, significativamente, accentuato rispetto ad un ordinario diritto patrimoniale tanto da definirsi “rafforzato”, prevedendo una partecipazione agli utili in misura più che proporzionale rispetto all’inve­stimento effettuato dal titolare in ragione del rischio al quale è esposto (c.d. super return).

Di regola, il carried interest è riconosciuto dalla società a favore di manager e dipendenti a titolo di incentivo. Difatti, la figura del manager – più delle altre – può rivestire in ambito societario quantomeno due differenti ruoli: da un lato, quello di soggetto apicale e dipendente della società che percepisce redditi di lavoro dipendente o assimilati (ovvero di lavoro autonomo qualora le funzioni espletate siano compatibili con l’attività professionale) e, dal­l’altro, quello di azionista o titolare di quote delle società o enti di cui sia amministratore e, dunque, dipendente (ovvero di società a queste legate da un rapporto [continua..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio