fauceglia

home / Archivio / Fascicolo / NFT e Sport. Prospettive applicative ed ostacoli da superare

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


NFT e Sport. Prospettive applicative ed ostacoli da superare

Martino Galasso, Avvocato del Foro di Torre Annunziata, ha svolto e svolge attività di ricerca presso l’Uni­versità degli Studi di Salerno – Matteo Bruno Scannapieco, Avvocato del Foro di Salerno, Dottore di Ricerca presso l’Università degli Studi di Salerno

Il presente lavoro vuole ipotizzare nuovi modelli di business mediante l’appli­cazione della tecnologia blockchain al mondo del calcio, teorizzando nuove forme di finanziamento ed i limiti che i regolamenti sportivi impongono alla cessione dei diritti dei calciatori in tema di Third Party Ownership e Third Party Investment.

Parole chiave: blockchain – calcio – player trading – third party ownership.

NFT and Sports. Application perspectives and obstacles to overcome

This paper aims to study the feasibility of new business models through the application of blockchain technology to the world of football, considering the existing new forms of financing and the limits that sports regulations impose on the transfer of players’ rights in the area of Third-Party Ownership and Third-Party Investment.

Keywords: blockchain – football – player trading – third party ownership.

1. Introduzione

L’esplosione improvvisa dell’epidemia da Covid-19 e le misure che sono state imposte per contenerla, tra cui la sospensione di tutte le competizioni sportive a livello mondiale, hanno inciso profondamente sul fatturato delle società di calcio, molte di queste in crisi a causa delle considerevoli perdite economiche subite.

In particolare, gli incassi realizzati dal box office, gli introiti provenienti dai diritti televisivi e gli sponsor, quali fonti primarie del fatturato operativo dei club, ne sono uscite particolarmente ridimensionate. Le prime due colpite direttamente e la terza fortemente limitata.

L’emergenza pandemica ha fatto poi emergere, soprattutto, il precario equilibrio finanziario di molti club, anche tra i più importanti, come Juventus, Inter e Barcellona, che si trovano a dover rivedere e riorganizzare il loro modello di business anche alla luce della normativa sul Financial Fair Play previsto dalla Union of European Football Associations (UEFA) [1] che potrebbe escluderne la partecipazione alle competizioni europee incidendo negativamente su una situazione già di per sé precaria e che, nonostante l’esaurirsi dell’emergenza [continua..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio