corso comm rev

home / Archivio / Fascicolo / Il compenso dei sindaci "non si tocca": neppure con la revocatoria fallimentare

indietro stampa articolo leggi articolo leggi fascicolo


Il compenso dei sindaci "non si tocca": neppure con la revocatoria fallimentare

Marina Spiotta (Professore associato di diritto commerciale presso l’Università del Piemonte Orientale)

La Corte d’Appello di Torino, con la sentenza del 18 agosto 2017, ha confermato l’applicabilità al compenso percepito dai sindaci dell’esenzione dall’azione revocatoria fallimentare prevista per i “pagamenti dei corrispettivi per prestazioni di lavoro effettuate da dipendenti ed altri collaboratori, anche non subordinati, del fallito” (art. 67, comma 3, l. fall.).

Nel commento si ripercorreranno i passaggi salienti della motivazione vagliandoli con i consueti strumenti interpretativi (ed uno inedito) e si cercherà di proporre qualche riflessione alla luce della legge delega n. 155 del 19 ottobre 2017 e della bozza di d.lgs. di attuazione destinato a dar vita ad un Codice della crisi e dell’in­solvenza.

The statutory auditors' right to remuneration is "untouchable": not even the bankruptcy claw-back action can remove it

The Court of Appeals of Turin, with the judgement issued on the 18th of August 2017, confirmed that the rule of the exemption from of the bankruptcy claw-back action established for the “payments of the performances of workers and of other cooperators, not necessarily employees, of the bankrupt” (art. 67, 3rd paragraph, Italian Bankruptcy Law) shall be applied also to the statutory auditors’remuneration.

The following note will go into the main points of the judgement motivation both with the usual interpretative instruments and with an innovative one; moreover, the paper will try to provoke reflections in the light of the enabling act no. 155 of the 19 th of October 2017 and of the draft of the legislative decree that will result in a Code of insolvency law.

 

1. Motivi di interesse: tra legge fallimentare vigente e codice della crisi e dell’insolvenza in itinere

La pronuncia in esame [1], nel confermare quella di primo grado pubblicata sulle colonne di questa Rivista [2], rappresenta un’importante “conquista”, non solo per i sindaci convenuti, ma per tutti i professionisti chiamati a ricoprire siffatti incarichi all’interno di società poi decotte.

Essa inoltre offre l’occasione per segnalare al lettore l’unico criterio direttivo in tema di revocatoria contenuto nella legge delega n. 155 del 19 ottobre 2017 [3] e per anticipare che l’art. 171 della bozza di codice della crisi e del­l’insolvenza (d’ora in poi, per brevità, c.c.i.), destinato a sostituire il vigente art. 67 l. fall., pur modificando lievemente la formulazione dell’attuale lett. f), non affronta ex professo il nodo interpretativo relativo alla sua sfera di applicazione.

Nel commento si cercherà di verificare se le motivazioni della sentenza siano corrette, compito che, quando le norme non sono chiare [4], [continua..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio